sabato 31 dicembre 2011

Tornare indietro per andare avanti

Intervista di Olivia Posani, La Nazione, 31 /12/2011

Antonio Martino, economista liberale, ex ministro durante i governi Berlusconi, non ha mai nascosto la sua allergia per la moneta unica. Ora invoca la modifica dei trattati e uno stop alla politica del rigore con la quale, dice, «Ci stiamo auto infliggendo recessione».

• Che bilancio fa di dieci anni con l’euro in tasca?

• Guadagnai la reputazione di euroscettico perché avevo grosse perplessità su questa nuova moneta. Le perplessità sono state confermate più di quanto pensassi».

• Che cosa non la convinceva?

• Il modo con cui la moneta è stata introdotta, la costituzione monetaria e quella fiscale. Sul primo punto va ricordato che il valore dell’euro è bastato sulla fiducia che in esso ripongono coloro che la devono usare. Questo avrebbe dovuto far comprendere l’insensatezza di introdurre una moneta che non aveva mai circolato e ritenere di poterle imporre a priori il potere d’acquisto. Se si potesse, la povertà scomparirebbe dal mondo. In Germania l’euro viene chiamato teuro, rincaro».

• Alcuni economisti hanno calcolato oggi la lira varrebbe il 30% in meno dell’euro.

• «Congetture da analfabeti monetari. Con due milioni al mese una famiglia viveva decorosamente. Con mille euro non ci vive nemmeno una coppia».

• Non sarà perché Berlusconi e Tremonti hanno abolito i comitati di controllo provinciali che dovevano evitare speculazioni?

• «Ritiene che i prezzi si possano controllare d’autorità? Questo è un altro dei miti duri a morire. I prezzi li fanno le nostre decisioni, li fanno compratori e venditori».

• Secondo lei dovevamo rimanere con la liretta?

• «No, dovevamo dare il tempo alla gente di abituarsi all’euro. Dovevamo seguire lo schema proposto dagli inglesi: usare questa moneta in parallelo a quelle nazionali. Dopo due o tre anni l’avrebbero padroneggiata anche le massaie e avremmo saputo con esattezza il suo valore di mercato».

• Dunque non ce l’ha con l’euro?

• Assolutamente no. Sono contrario al modo in cui è stato introdotto. Einaudi era favorevole alle istituzione di una moneta europea perché avrebbe evitato la più iniqua delle imposte che è l’inflazione. L’idea è stata recepita dal trattato di Maastricht, che prevede che la Bce debba pensare a evitare inflazioni e deflazioni, mentre non può comprare titoli del debito pubblico».

• La Bce non dovrebbe comprare Btp nemmeno sul mercato secondario?

• «Assolutamente no. Tutti i cinquanta stati americani hanno la stessa moneta, ma la condotta fiscale dei singoli stati è autonoma. Né la Fed né il governo intervengono per salvare uno stato troppo spendaccione. Lo fanno fallire».

• La Grecia andava fatta fallire?

• «Certamente. E non si doveva pensare di imporre all’Irlanda di aumentare l’aliquota sulle società. Non ha senso far pagare le stesse tasse a chi è ricchissimo e a chi è poverissimo. Le aliquote che si può permettere la Germania non se le può permettere né la Grecia né il Portogallo. L’idea di Monti e degli altri eurocrati di armonizzare le aliquote è folle».

• Contrario all’unificazione delle politiche monetarie e fiscali?

• «Maastricht dice che se un Paese sfora i parametri gli s’impone una multa. Le sembra sensato che un paese che non riesce a pagare i suoi debiti sia anche multato? Oggi, per salvare questo tipo di euro, corriamo rischio di far sprofondare l’Europa. E’ assurdo costringere i paesi a raggiungere al più presto il pareggio di bilancio. L’Italia è descritta da tutti sull’orlo del baratro. Non è vero. E’ la fissazione per lo spread».

• Ma se lo spread sale il nostro debito pubblico aumenta...

• «La Banca d’Italia sostiene che la situazione sarebbe gestibile anche con tassi d’interesse all’8%».

• Che cosa andrebbe fatto?

• «Dobbiamo tornare indietro per andare avanti. Riscrivere subito il trattato di Maastricht. Al primo posto si mette che ogni stato è responsabile della sua condotta di bilancio e che la Bce non può salvarlo se ha speso troppo».

• Ma l’euro ce lo teniamo?

• «Sì, dopo 10 anni ognuno sa quanto vale».

• E se i trattati restano così?

• «Entrerà in discussone il futuro dell’Europa. L’idea che la moneta unica avrebbe portato inevitabilmente all’unione politica si è dimostrata infondata. Arriverà solo quando, e se, ci saranno paesi disposti a rinunciare alla sovranità nazionale in materia di politica estera e di difesa»

• E un’unica politica economica si può realizzare?

• «Non possiamo avere una politica economica e ventisei politiche estere».

4 commenti:

  1. "Non sarà perché Berlusconi e Tremonti hanno abolito i comitati di controllo provinciali che dovevano evitare speculazioni?"
    Questa gente non ha neanche letto il Manzoni!

    RispondiElimina
  2. Qualche settimana fa la BCE ha creato dal nulla 200 miliardi di euro, e li ha prestati alle banche al tasso dell' 1%. Queste banche useranno una grossa parte di questi soldi per comprare titoli di debito pubblico, anche in Italia.
    Scusate, ma anche questa non è forse un'indiretta monetizzazione del debito ?
    Correggetemi se sbaglio...

    RispondiElimina
  3. Mi piacerebbe che Antonio Martino dicesse qualcosa sui 15 miliardi di euro che egli stesso ha gettato addosso al popolo italiano quale spesa, inutile, assurda e iniqua, per l'acquisto di 131 cacciabombardieri F-35

    RispondiElimina
  4. Caro Enrico, se c'è un capitolo di spesa dove lo stato non è solo legittimato a spendere ma ha l'assoluto dovere di farlo questo è la difesa.
    l'acquisto dei 131 cacciabombardieri non rappresenta ne una spesa iniqua ne inutile ne tantomeno assurda. E' un atto giusto e sacrosanto.
    Le spese inutili dello stato italiano sono tantissime in campi dove la spesa pubblica dovrebbe essere al minimo o non esserci affatto, è troppo facile e comodo fare demagogia sulle armi (quanto è brutta la guerra quanto sono brutte le armi quanto sono cattivi i militari ecc...)

    RispondiElimina